Zcash e KodakCoin: introduzione a due criptovalute ancora poco note

By | 31 Gennaio 2018

Ora come ora tutti gli occhi sono puntati sulle criptovalute ed in particolare su quelle più note: Bitcoin, Ethereum, Ripple e compagnia stanno attraversando una fase molto delicata, contraddistinta da continui ribassi.

Tuttavia nel mercato e-currency ci sono molte più realtà di quanto ci si possa immaginare: in pochi per esempio conoscono Zcash e KodakCoin, due criptovalute che nel loro piccolo stanno provando a crescere dal punto di vista della credibilità e della capitalizzazione di mercato.

Zcash (ZEC)

Zcash (ZEC) è una criptomoneta decentralizzata e open source, attualmente classificata al 23° posto nella classifica delle criptovalute a più alta capitalizzazione di mercato. Ciò che la contraddistingue dalle rivali è la sua attenzione scrupolosa al fattore privacy, il che la rende ancora più appetibile sul fronte dei pagamenti.

Sia i venditori che gli acquirenti possono movimentare denaro ZEC in tutta tranquillità, e possono anche scegliere se effettuare transazioni private o pubbliche. In ogni caso le operazioni garantiscono una protezione sia dal punto di vista dell’anonimato sia per quel che riguarda il denaro movimentato, e proprio questo ha fatto insorgere non pochi osservatori che vedono in Zcash l’alleato perfetto dei criminali. Gli sviluppatori però continuano ad andare avanti per la loro strada, certi del fatto che la privacy, che riguardi l’individuo o che riguardi una società, rientri nella cerchia dei diritti indiscutibili.

KodakCoin

E poi c’è KodakCoin. Questa criptovaluta nasce da una società che ha sede in Canada e che è nota con il nome Global Blockchain Technologies Corp.. Quest’azienda dispone ovviamente dell’apposita licenza, da parte di Kodak, per utilizzare il celebre nome che rimanda alla compagnia fotografica.

KodakCoin poggia su una tecnologia blockchain che guarda caso si rivolge prevalentemente agli operatori della fotografia, ai quali permette di registrare i loro marchi e quindi di vendere e incassare i diritti relativi alle foto in tutta sicurezza. Che si tratti di professionisti o di fotografi amatoriali non ha importanza: la piattaforma KodakCoin vuol far sì che i fotografi possano vendere il loro lavoro su un luogo sicuro ed efficiente.

Zcash ha già avviato la sua corsa, mentre KodakCoin è entrata in circolo tramite una pre-vendita del valore di 2 milioni di dollari e attende ora l’avvio della ICO ufficiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *